eccessovitaminae - Ortopedia dello Sport del prof. Luigi Gatta.

ORTOPEDIA DELLO SPORT
Vai ai contenuti
pagine derivate

Vitamin E decreases bone mass by stimulating osteoclast fusion
UN ECCESSO DI VITAMINA E DANNEGGIA LE OSSA

Troppa vitamina E puo' far male alle ossa, causando la diminuzione di massa ossea.

E' quanto emerso da un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature Medicine.

Esperti nipponici hanno visto che nei topi un apporto di vitamina E comparabile alle concentrazioni presenti negli integratori in commercio ''erode'' le ossa stimolandone la degenerazione.

Dato il consumo sempre piu' frequente di integratori da parte di individui di ogni eta', spiega Shu Takeda dell'ateneo Keio a Tokyo, la scoperta puo' avere rilevanza in termini di salute pubblica.

Si tratta dell'ennesimo studio che mette in guardia da un consumo eccessivo di vitamine, abitudine ormai invalsa nell'erronea convinzione che prendere integratori e multivitaminici come fai-da-te non possa che fare bene.

Ma non e' cosi' come gia' dimostrato per altre vitamine e minerali.

Per esempio e' di soli pochi giorni fa la notizia, data da Lancet, che assumere troppo selenio mette a rischio di ammalarsi di diabete.

Il lavoro giapponese guarda invece alla vitamina E, un comune antiossidante che e' stato fin troppo osannato per le sue presunte proprieta' benefiche.

I ricercatori del Sol Levante hanno pero' visto che un apporto di vitamina E nei topi compatibile con le concentrazioni presenti negli integratori in vendita determina una riduzione della loro massa ossea.

E che topi che sono in deficit di vitamina E, al contrario, presentano una massa ossea maggiore proprio perche' le cellule deputate al riassorbimento osseo (osteoclasti) diminuiscono se nell'organismo non vi e' molta vitamina E.

Lo studio suggerisce cautela, quindi, sull'uso di questa vitamina che come tutte le altre dovrebbe essere assunta comunque su consiglio medico e solo se vi e' un reale bisogno da parte dell'organismo per esigenze particolari dell'individuo.


da Sanità News del 06/3/2012


Ortopedia dello Sport © 2010/2017
Torna ai contenuti