infiltrazioniginocchio - Ortopedia dello Sport del prof. Luigi Gatta.

ORTOPEDIA DELLO SPORT
Vai ai contenuti
pagine derivate


Studio sul trattamento Infiltrativo  di ginocchio, post intervento di meniscectomia totale o parziale.


J Bone Joint Surg Am 2014 15 gennaio, 96 (2), Henry B. Ellis, MD  Texas Scottish Rite Hospital for Children, Dallas, Texas, USA

Studio randomizzato doppio cieco prospettico con 60 pazienti sottoposti a meniscectomia subtotale divisi in gruppi: il primo riceve una iniezione di acido ialuronico e di cellule staminali a bassa concentrazione (50 mln); il secondo riceve una iniezione di acido ialuronico e di cellule staminali ad alta concentrazione (150 mln); il terzo gruppo riceve una iniezione di solo acido ialuronico. Le iniezioni sono a 7 e 10 giorni dalla meniscectomia poi controllo di follow-up a 6 settimane, 6 mesi, 1 anno e 2 anni.

L’obiettivo dello studio era di verificare la sicurezza e l’efficacia di questa metodica.  

Le metodiche sono sicure dato che non ci sono stati eventi avversi significativi o formazione di tessuto ectopico.

Migliora il dolore con l’aggiunta delle due concentrazioni di cellule staminali rispetto al solo acido ialuronico ma non c’è differenza tra le due concentrazioni.

Tra i parametri di efficacia c’era l’evidenza di un aumento di almeno il 15% del volume meniscale: questo è avvenuto solo in 5 soggetti a 1 anno scesi a 3 soggetti a 2 anni nei gruppi acido ialuronico + cellule staminali e nessuno nel gruppo del solo acido ialuronico.

Questo è stato valutato come un aumento importante.

Di notevole importanza è la riduzione del dolore da parte dell’associazione rispetto al solo acido ialuronico.

L’effetto non era diverso tra le 2 concentrazioni di cellule e si è mantenuto anche nei 2 anni dall’inizio dello studio. Inoltre sembra che l’effetto antidolorifico sia più netto nei soggetti con osteoartrite più severa e che sia dose dipendente dato che al controllo annuale l’effetto antidolorifico era maggiore nei soggetti che hanno ricevuto la concentrazione maggiore di cellule staminali.

Nel 76% dei soggetti la patologia è rimasta invariata.

Occorrono ulteriori studi di approfondimento di questa metodica, ma gli studi sugli animali citati nell’articolo originale e nel commento riportano un aumento del volume meniscale e della sintomatologia.

(n.d.r. by L.G.: in Italia l'uso delle cellule staminali è vietato; ci sono metodiche di prelievo autologo che prevedono la raccolta indiretta di cellule per uso infiltrativo: il PRP, plasma ricco di piastrine. Questa, è quindi una sostanza ricchissima di fattori di crescita piastrinici, molto utili in varie specifiche patologie, non solo ortopediche.)




Ortopedia dello Sport © 2010/2017
Torna ai contenuti