menopausa50anni - Ortopedia dello Sport del prof. Luigi Gatta.

ORTOPEDIA DELLO SPORT
Vai ai contenuti
pagine derivate

Menopausa: dopo i 50 anni si ingrassa di un chilo l'anno

da AGI Salute - Data pubblicazione gio, 09 giu 2011


Dopo i 50 anni le donne ingrassano in media di 1 kg all'anno: sono le conseguenze della menopausa.

Fra i primi sintomi si verifica un aumento dell'adipe e una sua diversa distribuzione, molto più simile a quella maschile.
Sale anche la pressione e cresce il girovita, uno dei parametri che definiscono la sindrome metabolica che spesso viene trascurato.
Per combattere i più pericolosi nemici del cuore la terapia ormonale sostitutiva è un valido alleato.

"L'elemento essenziale è il progestinico: il drospirenone, che riduce o addirittura annulla i possibili effetti sulla ritenzione idrica ed è particolarmente efficace nel controllo del rischio cardiovascolare.

Abbassa la pressione arteriosa e può ridurre fino a 3 cm la circonferenza addominale", spiega il prof. Marco Gambacciani, dell'azienda ospedaliera universitaria pisana e segretario della European Menopause and Andropause Society (EMAS), autore dello studio che ha portato a questi risultati.

Il Congresso Mondiale della Menopausa, che fino all'11 giugno riunisce a Roma oltre 3.500 esperti da più di 80 Paesi, apre una nuova stagione per le terapie ormonali sostitutive, un vero e proprio 'rinascimento', termine che non a caso dà il titolo all'evento.
In particolare, è la presentazione dei dati dello studio EURAS-HRT a sancire definitivamente la sicurezza di quelle a basso dosaggio.

In Italia vi è uno scarsissimo utilizzo delle terapie ormonali (meno del 5%) ed una ancora più limitata conoscenza.
Con la menopausa cessa la produzione degli ormoni che rappresentano il 'motore' dell'organismo femminile.
Il loro calo, improvviso o graduale, determina una serie di disturbi noti (come le vampate) e altri problemi meno conosciuti, che intervengono in una fase successiva.


(ndr by L.G.): nella eventuale prescrizione della TOS, non dimenticare di associare sempre una adeguata dose di attività fisica, magari approfittandone per eseguire delle valutazioni di prevenzione primaria).

Ortopedia dello Sport © 2010/2017
Torna ai contenuti