rischiocardiov - Ortopedia dello Sport del prof. Luigi Gatta.

ORTOPEDIA DELLO SPORT
Vai ai contenuti

Menu principale:

pagine derivate

Rischio Cv ridotto negli over70 con testosterone elevato
di: J Am Coll Cardiol, 2011; 58(16):1674-81


Negli uomini di età ≥70 anni, elevati  livelli sierici di testosterone (correlati a ridotta adiposità e minore sviluppo di aterosclerosi) sono predittivi di un minore rischio di episodi cardiovascolari (Cv) a 5 anni.

Lo rivela uno studio di Claes Ohlsson, dell'università  di Göteborg (Svezia), e collaboratori, svolto su 2.416 soggetti di età compresa tra 69 e 81 anni.

In ogni partecipante, oltre alla valutazione dei livelli di testosterone al basale mediante gascromatografia-spettrometria di massa, si sono misurati  anche quelli di Shbg (sex hormone binding protein), glicoproteina di traporto degli ormoni sessuali già associata al rischio di diabete di tipo 2 ma poco studiata come fattore predittivo di rischio Cv.

Nel corso di 5 anni sono avvenuti 485 episodi  Cv. sia il testosterone totale sia l'Shbg sono apparsi inversamente associati al rischio di tali eventi.

Più in dettaglio, negli uomini con i valori più elevati dell'ormone (≥550 ng/dl) si è calcolato un rischio inferiore del 30% rispetto  a chi ne mostrava livelli più contenuti nel siero.

Questa associazione non si è modificata dopo aver apportato correzioni per i tradizionali fattori di rischio Cv e non è sostanzialmente cambiata nelle analisi che escludevano gli uomini con malattia  Cv nota alla visita iniziale.

Nei modelli che tenevano conto sia del testosterone sia dell'Shbg, solo il primo si è rivelato in grado di predire il rischio Cv.



(n.d.r. by L.G.: nulla di nuovo....gli effetti attesi dalla regolare pratica dell'attività fisica, sono sufficienti a determinare questi risultati benefici.)


Ortopedia dello Sport © 2010/2017
Torna ai contenuti | Torna al menu