sonnolenza - Ortopedia dello Sport del prof. Luigi Gatta.

ORTOPEDIA DELLO SPORT
Sito del Prof. Luigi Gatta - P.I. 04473651000
Vai ai contenuti

sonnolenza

pagine derivate

In ufficio alle 15,27 scatta la sonnolenza, una corsetta in pausa pranzo per evitarla.

Secondo una ricerca condotta su mille lavoratori italiani il calo energetico riguarda 9 dipendenti su 10.
Il 58% di loro prende il caffè, il 17 schiaccia un pisolino, mentre solo il 5% fa attività fisica.
In Trentino Alto Adige il deficit dura più che in Sicilia
 
di AGNESE ANANASSO

 
ROMA - Ore 15,27: scatta l'ora X della sonnolenza in ufficio.
Il calo di energie, dopo il pranzo, riguarda 9 lavoratori su 10, con una riduzione "fisiologica" della produttività aziendale.
Sono i dati che emergono da una ricerca realizzata da Brooks Running, condotta su mille lavoratori italiani tra i 18 e i 65 anni.
Per il 58%  di loro il rimedio per superare la crisi di sonno è prendere un caffè, il 17% riesce a schiacciare un pisolino sul posto di lavoro mentre solo il 5% si alza per fare attività fisica.
Mediamente la "fossa" del sonno dura 34 minuti, per un totale di 141 ore all'anno di deficit produttivo.
Se si guardano i dati regione per regione, si trovano diverse sorprese: in testa alla classifica della sonnolenza più insidiosa si trova il Veneto, con il 96,4% degli intervistati che "crollano", seguito dalla Calabria (94,9%) e dall'Emilia Romagna (94,4%).
L'altra sorpresa viene dalla durata della crisi di sonno: il picco maggiore è in Trentino Alto Adige con il record di 38 minuti e 45 secondi, ben 4 minuti in più della Sicilia.
Più arzilli i molisani, con 22 minuti e 30 secondi.


 
(Repubblica Salute 2/2017)
Ortopedia dello Sport © 2010/2018
Torna ai contenuti